img
 BlackJack Online
img

Il Blackjack è considerato uno dei giochi, tra tutti quelli presenti in un casinò, in cui il giocatore può veramente mostrare le sue qualità, e il suo sangue freddo. Ovviamente se ha le opportune capacità, ed è in grado di usarle al meglio.

Le origini del gioco non sono per nulla certe, infatti, negli anni in cui incominciava a fare la sua comparsa nelle maggiori sale da gioco europeo, erano presenti diversi giochi con caratteristiche simili a questo gioco.

Come la Roulette, anche il Blackjack dovrebbe aver avuto origine in Francia, o almeno questa è l’ipotesi più accreditata, e secondo i miti tramandati dai giocatori europei, anche Napoleone Bonaparte era un appassionato di questo gioco.

In origine non era comunque conosciuto con questo nome, ma con quello di “Vingt-et-un”, che ha il significato di “Ventuno”.

Nello stesso periodo in Spagna andava di moda il gioco del “Ventunia”, mentre in Italia si poteva trovare il gioco del “Sette e mezzo”.

Il nome con cui noi tutti conosciamo questo gioco, è nato negli Stati Uniti, la terra promessa del gioco d’azzardo. Il nome deriva da una particolare regola che era adottata da tutti i casinò in quel periodo, ma che purtroppo ormai è caduta in disuso.

Questa regola indicava che se un giocatore riusciva ad ottenere un 21 con l’asso, e il jack di picche, vinceva una somma pari a 10 volte la puntata fatta. Ai nostri giorni quando si vince, si ha diritto a ricevere il valore della puntata che si è fatto, oppure, nei casi in cui si riesca ad ottenere un 21 con le prime 2 carte, vince una volta e mezzo la puntata fatta.

Questa particolare regola era stata creata dai casinò di Las Vegas, che nel 1930 circa tentarono di cercare di attrarre il maggior numero di giocatori possibili proprio allettandoli con l’offerta di vincere 10 volte la puntata fatta. Ma questa non è l’unica volta che la città di Las Vegas ha un ruolo decisivo nel corso della storia del Blackjack. Nel 1960, una delle figure più importanti per gli amanti di questo gioco, il matematico Edward Thorp, rese noti i risultati sui suoi studi concernenti, le statistiche del gioco. Grazie a questi studi presero forma le prime tabelle per il gioco del Blackjack, e i giocatori di tutto il mondo incominciarono ben presto a utilizzarle per aumentare le proprie probabilità di vincita.

Una ventina di anni più tardi le teorie di Thorp furono ulteriormente migliorate da un gruppo di studenti del MIT, uno degli istituti americani più esclusivi, che li utilizzò per vincere delle somme impensabili per quell’epoca nei casinò più importanti di Las Vegas. In seguito sbancarono i tavoli di Blackjack dei casinò di tutto il mondo, entrando nella storia del gioco d’azzardo.

Indubbiamente avere delle ottime capacità matematiche può essere un punto a proprio favore quando ci si siede a un tavolo di blackjack in un casinò, ma purtroppo non si può dire lo stesso quando si parla di un tavolo di blackjack online. I calcoli matematici che stanno alla base del metodo ideato da Thorpe, e in seguito affinato dai ragazzi del MIT, prendono in esame determinati valori delle carte che sono ancora presenti nelle carte a disposizione del mazziere. Nel blackjack online le carte che si ottengono sono frutto di un generatore casuale, e quindi si può affermare di giocare con un mazzo nuovo per ogni mano che si andrà a giocare.

Le tabelle per la strategia base del Blackjack sono un valido aiuto per qualsiasi giocatore che si avvicina a un tavolo da gioco, ma purtroppo le raffinate strategie, utilizzate dai migliori giocatori nei casinò dal vivo di tutto il mondo, non potranno mai ottenere dei risultati simili quando sono impiegate online.

imgimg