img
 Dadi Online
img

Il gioco dei dadi, conosciuto da molti anche con il suo nome inglese, “Craps”, può essere considerato senza alcun dubbio, il gioco d’azzardo più antico del mondo.

I dadi sono stati un elemento presente in moltissime civiltà del passato, e quindi risulta difficile affermare a chi spetta la paternità di questo gioco. Lo stesso si può dire per il termine “dadi”. Le ipotesi più accreditate vedono l’origine della parola nel termine latino “datum”, che indicava un qualcosa che viene gettato, che quindi si adatta alla perfezione al meccanismo dei dadi. Ma non tutti sono d’accordo su questa ipotesi, e preferiscono accostare il termine all’antica parola araba “a‘dād” con cui s’indicavano i numeri.

La seconda ipotesi sarebbe rafforzata dal fatto che la stessa parola “azzardo” sia d’origine araba, e quindi farebbe derivare due dei termini più usati dai giocatori dei casinò di tutto il mondo dalla stessa lingua.

E’ interessante notare che nell’antichità i dadi non avevano un aspetto simile a quelli che sono utilizzati ai nostri giorni. Diverse popolazioni erano abituali utilizzare gli “astragali”, dei dadi rudimentali ricavati dalle ossa delle zampe di alcuni animali. Di solito durante il gioco erano impiegati quattro astragali per ottenere determinate combinazioni.

I classici dadi a sei facce hanno fatto la comparsa per la prima volta in epoca romana, per essere in seguito utilizzati da tutte le popolazioni successive. Il gioco divenne uno dei più diffusi nel vecchio continente non solo grazie ai romani, che sembravano essere realmente affascinati da questo gioco, tanto da regolamentarlo con apposite leggi, e farlo conoscere a tutte le popolazioni con cui entravano in contatto, ma anche grazie ai crociati. Il gioco dei dadi si rivelò essere uno dei più diffusi nei nobili che partirono per le crociate, e che non vollero rinunciarvi neanche sul campo da battaglia.

Come per molti altri giochi d’azzardo, è comunque l’america ad avere un ruolo predominante nella storia di questo gioco. Verso il 1900 John H. Winn semplifica le regole utilizzate fino a questo momento, e rende il gioco simile a quello che conosciamo. Pochi decenni dopo nasce Las Vegas, la città simbolo del gioco d’azzardo, e il gioco dei dadi diventa in poco tempo uno dei più giocati in tutti i casinò della città dei casinò.

Oggigiorno i dadi sono uno dei giochi maggiormente apprezzati da chi frequenta i casinò online, o che più in generale ama il gioco d’azzardo. E’ davvero molto semplice trovare un casinò, oppure un sito che offri anche l’opportunità di poter giocare gratuitamente a questo gioco, e proprio per questo motivo il numero di chi si appassiona al gioco dei dadi è in costante aumento.

I dadi non presentano di certo un meccanismo di gioco molto complicato, anzi per certi versi possono anche essere paragonati a quello della Roulette. Il giocatore dovrà semplicemente scegliere una puntata, decidere l’importo della stessa, tirare i dadi e vedere se può, o no, riscuotere una vincita. Bisogna comunque specificare che alcune puntate prevedono che il giocatore debba lanciare i dadi, un certo numero di volte nel caso avvengano alcune circostanze, ma questo solo nelle puntate più complicate. Infatti, l’unico elemento che è in grado di causare qualche problema ai nuovi giocatori, finché non sono riusciti a prendere un po’ di confidenza con il gioco, sono le diverse puntate che si possono scegliere.

Non tutte le puntate che si possono scegliere al gioco dei dadi offrono le stesse probabilità di vincita al giocatore, e quindi il conoscere quali sono quelle che si dovrebbero scegliere più spesso, e quelle da evitare, è un fattore indispensabile se si vogliono ottenere dei buoni risultati al tavolo dei dadi. Molti giocatori, specialmente quando non hanno ancora compreso al meglio le meccaniche del gioco, si lasciano ingannare dalle puntate che gli offrono le vincite più allettanti, non sapendo che sono anche quelle più difficili da ottenere.

imgimg